Affreschi di Re Laurino

GLI AFFRESCHI DI RE LAURINO

1911

Nel 1911 Bruno Goldschmitt, pittore ed illustratore monacense, ricevette dall’albergatore bolzanino Franz Staffler l’incarico di decorare la saletta di lettura e conversazione del nuovo Hotel König Laurin con un ciclo di affreschi dedicato alla leggenda del mitico re del popolo dei nani. Della leggenda di Re Laurino, ambien-tata intorno al massiccio dolomitico del maestoso Rosengarten (Catinaccio) che domina Bolzano, esistono varie versioni, sempre comunque imperniate sul ratto di una fanciulla, sull’ardore cavalleresco, sull’audacia, la vendetta e la riconciliazione, un intreccio di motivi ricorrenti nelle saghe medievali che Bruno Goldschmitt riesce a idealizzare, spesso con magistrale ironia, nel suo inconfondibile stile pittorico. Oggi, a cent’anni di distanza, gli affreschi creati da Goldschmitt non hanno perso nulla della loro originale freschezza. Insieme all’arredo genuino dell’odierno bar dell’albergo fanno di questo ambiente un’opera d’arte integrale.

Filmato di Helmut Stampfer & Franz J. Haller

Visuelle Anthropologie
I – 39010 GARGAZON / Meran
hallerfilm@yahoo.de

© 2010

 
 

Aus dem Bildarchiv

Wache_im_Stollen_Ortler_WSC0020 _WSC0081 135_Hafling_Stadel_AS-KB_069 SALO_DSC_0042