I SACRARI MILITARI FASCISTI GUERRA 1915-18

I primi ossari nacquero alla fine della Guerra 15-18. Più tardi il fascismo li permutò in ‚Sacrari Militari’ – per interessare centinaia di migliaia di veterani e mutilati al nuovo PNF – Partito Nazionale fascista – costruiendo monumenti di enormi dimensioni. Nel filmato visitiamo i monumenti al Monte Grappa, a Redipuglia, a Oslavia, Caporetto, Pocol, Pian di Salesei, Montello, Fagarè della Battaglia, Nervesa della Battaglia, Quero, Passo Tonale, Rovereto, Timau … e la campana della pace ‚Maria Dolens’.
Negli ultimi anni del 1930 vennero costruiti anche ossari in Südtirol – denominato das fascismo ‚Alto Adige’ – dove in realtà non cadde nessun soldato italiano : al Reschenpass (Passo Resia), a Gossensass (Colle Isarco) e a Innichen (San Candido), a dove lo stato fascista fece deportare dal fronte lontano 10 Km le spoglie di soldati caduti per creare lungo la nuova frontiera con l´Austria un „Limes di morti“. Il territorio del Südtirol – Alto Adige non è mai stato conquiistato dall’ Italia, ma annesso contro la volontà della popolazione autoctona di lingua ladina e austriaca e senza plebiscito : Così nacque il PROBLEMA DELL’ ALTO ADIGE – SÜDTIROL.

 
 

I SACRARI MILITARI FASCISTI GUERRA 1915-18

I primi ossari nacquero alla fine della Guerra 15-18. Più tardi il fascismo li permutò in ‚Sacrari Militari’ – per interessare centinaia di migliaia di veterani e mutilati al nuovo PNF – Partito Nazionale fascista – costruiendo monumenti di enormi dimensioni. Nel filmato visitiamo i monumenti al Monte Grappa, a Redipuglia, a Oslavia, Caporetto, Pocol, Pian di Salesei, Montello, Fagarè della Battaglia, Nervesa della Battaglia, Quero, Passo Tonale, Rovereto, Timau … e la campana della pace ‚Maria Dolens’.
Negli ultimi anni del 1930 vennero costruiti anche ossari in Südtirol – denominato das fascismo ‚Alto Adige’ – dove in realtà non cadde nessun soldato italiano : al Reschenpass (Passo Resia), a Gossensass (Colle Isarco) e a Innichen (San Candido), a dove lo stato fascista fece deportare dal fronte lontano 10 Km le spoglie di soldati caduti per creare lungo la nuova frontiera con l´Austria un „Limes di morti“. Il territorio del Südtirol – Alto Adige non è mai stato conquiistato dall’ Italia, ma annesso contro la volontà della popolazione autoctona di lingua ladina e austriaca e senza plebiscito : Così nacque il PROBLEMA DELL’ ALTO ADIGE – SÜDTIROL.

 
 

Aus dem Bildarchiv

110_Hafling_Knabe-in-Tracht_AS-KB_061 272_Laas_Sisiniuskirchl_AS-KB_129 215_Meran_Landesfuerstliche-Burg_AS-912_051 262.7_Sterzing_Altweibermuehle_1938_AS-KB_116